Immagine

Alessandro D'Orlando - Intelligenza emotiva e respiro

 "Il respiro non porta mai oltre i propri limiti fisiologici e psicologici."

Questa sola affermazione vale l'acquisto del recente testo dello psicoterapeuta e formatore Alessandro D'Orlando, il quale non cede alla tentazione di "battezzare" il respiro connesso e consapevole con un nuovo nome (magari registrato) da utilizzare per i propri scopi commerciali, ma lo chiama appunto "respiro circolare" quale, in effetti, è.

Sintetizzando la propria esperienza terapeutica (benedetti quelli che con il respiro lavorano davvero!) e confrontando gli aspetti collegati alla pratica di tale tecnica ed i suoi effetti sul corpo, sulla mente e sullo spirito con altri approcci e discipline diffusi in ambito terapeutico, D'Orlando riesce non solo a sistematizzare efficacemente la trattazione di un argomento assai vasto, ma ci permette di leggere anche qualche considerazione sul respiro finalmente originale.

Addirittura si assume la responsabilità di mettere fra le controindicazioni della pratica del respiro circolare (una  "sottile" controindicazione scrive) l'atteggiamento di chi pratica questa tecnica come fine a se stessa per sviluppare "qualità superiori" con l'effetto di rafforzare il conflitto fra "ciò che è" e "ciò che si vorrebbe essere".

Complimenti! Un approccio che ci sentiamo assolutamente di condividere essendo quello più coerente con la visione unitaria non dualistica di colui che ha promosso la diffusione di questa tecnica in occidente: il mistico indiano illuminato Babaji.

Il volume non è però un trattato filosofico ma anzi, mette a confronto gli effetti della tecnica del respiro circolare con i principali disturbi psicosomatici e di disagio esistenziale mettendo in evidenza i benefici che tale pratica porta in ogni ambito, personale o professionale che sia.

In conclusione un libro che ci sentiamo sicuramente di consigliare ad ogni livello e che possiamo sicuramente includere nella nostra short-list dei migliori testi sull'argomento.

 

Dall'ultima di copertina:

L’intelligenza emotiva (IE) è la capacità di

 

  • essere consapevoli in ogni istante delle emozioni proprie e altrui
  • saperle trasformare e usare per mete costruttive e per conoscere la realtà (anziché combatterla)
  • riconoscere immediatamente quelle che tolgono energia
  • passare dallo stato pessimista e demotivato all’ottimismo e alla motivazione
  • non farsi travolgere dagli eventi, vedendo l’aspetto positivo in ogni situazione
  • saper scaricare al momento giusto l’energia in eccesso (evitando così le azioni impulsive)
  • essere sensibili agli effetti della nostra comunicazione e delle nostre emozioni sullo stato d’animo altrui.

Sviluppare l’IE consente di realizzare con maggiore facilità le nostre mete, e con una condizione psicofisica migliore (in considerazione dello stretto legame fra sistema immunitario, mente ed emozioni).

Le strategie impiegate in questi training, però, sono «come armi spuntate – sostiene l’Autore – se non vengono unite a tecniche di approccio corporeo», in particolare la respirazione circolare che si propone come una tecnica di sorprendente semplicità ed efficacia nel favorire ricadute positive su mente e corpo, tramite l'ampiamento delle percezioni e l'influenza dell'organismo.
È questo l’approccio particolare di questo libro, che si fonda sull’esperienza pluriennale dell’Autore.

Alessandro D’Orlando è psicologo e formatore. Svolge la sua attività nel campo della formazione sia in ambito universitario che nelle aziende, rivolgendosi a persone che vogliono migliorare la qualità della loro vita, ma anche a manager che hanno bisogno di guidare aziende e gruppi di lavoro.

Intelligenza emotiva e respiro
Alessandro D'Orlando
Prezzo € 16,50
Amrita Edizioni
Libro - Pagine 235
Formato: 14x20,5
Anno: 2006 

 

www.ilgiardinodeilibri.it