Immagine

Lorenzo Braibanti, Parto e nascita senza violenza, Red Edizioni, 1993

 Questo libro lo si apprezza di più se già abbiamo letto Leboyer, Per una nascita senza violenza . Braibanti a differenza del suo illustre collega, che effettua un'esposizione quasi poetica della sua tesi, sceglie una prosa rigorosa ma divulgativa che poco spazio lascia però all'emozione. Forse più indicato per gli operatori della nascita che per la futura mamma, é comunque uno dei pochi libri in italiano che sviluppa il tema del parto senza violenza, tema apparentemente quasi scontato nell'epoca del "tutto naturale" ma che di fatto evidenzia una consuetudine purtroppo dura a morire.